Marcella Cioffi

Chimica compact - Edizione Blu
Geografia Generale, Biologia, Chimica
 

Vero o Falso?

Scegli per ciascuna risposta l'alternativa corretta. Quando hai completato l'esercizio, clicca su Conferma.

L’acqua subisce una reazione di autoionizzazione e non di dissociazione, perché è un composto con legami covalenti e non ionici.

Nello ione idronio H3O+ l’ossigeno è legato ai 3 atomi di idrogeno con 2 legami covalenti e un legame ionico.

Il legame dativo è un legame covalente.

Il prodotto ionico dell’acqua Kw esprime il prodotto delle concentrazioni molari degli ioni H3O+(aq) e degli ioni OH(aq).

Nell’acqua pura la concentrazione degli ioni H3O+(aq) è maggiore di quella degli ioni OH(aq).

L’acqua si comporta da accettore di protoni con un acido e da datore di protoni con una base.

Se in una soluzione aumenta la concentrazione [H+(aq)] per l’aggiunta di un acido, certamente diminuisce la concentrazione [OH(aq)].

Gli acidi sono sostanze che in acqua producono protoni H3O+(aq).

La reazione che mette in evidenza il carattere acido dell’acido solforoso si deve scrivere con una doppia freccia perché l’acido è debole.
H 2 S O 3 +   H 2 O (l)     H 3 O (aq) + +   HSO 3 (aq) +  

L’acido cloridrico e l’ammoniaca sono rispettivamente un acido e una base forti.

Il pH di una soluzione è così definito: pH = log [H+(aq)]

Il valore 8 del pH indica che la soluzione è poco acida.

Il pH di una soluzione è indipendente dal suo volume in quanto esprime una concentrazione.

Se una soluzione è basica si ha: [OH(aq)] < [H+(aq)].

Il succo gastrico ha un pH neutro così da rendere più facile la digestione dei cibi.

Gli indicatori acido-base sono sostanze che presentano un colore diverso a seconda del pH del campione con cui vengono in contatto.

Gli acidi forti, come l’acido solforico, sono sempre molto pericolosi, a qualunque concentrazione vengano usati.

 

Esercizio numero:  1

 Tempo trascorso 00:00:00


 

Legenda esercizi

Tempo scaduto, vai alla pagella.